Messaggio del presidente nazionale dell’Anpi a Carla Cantone

Segretaria generale dello Spi Cgil, in occasione della manifestazione di venerdì 28 ottobre

Carissima Carla,
per motivi di varia natura non posso essere presente a questa bella e grande manifestazione.
L’ANPI è con voi nel denunciare una manovra del Governo che – in profondo contrasto col presidio dei diritti e con la loro promozione, come dettato dalla nostra Carta Costituzionale – penalizza i più deboli, stabilendo come priorità pesanti e gravi interventi sulle pensioni.

E’ l’ora della responsabilità, dell’unità delle forze democratiche e antifasciste, di un rinnovato patto costituzionale che faccia fronte ad una situazione che sta seriamente mettendo a rischio il futuro civile e sociale del Paese, la sua tenuta democratica. Con questo auspicio, e ringraziandoti nuovamente per l’affettuoso invito, giunga a te e a questa “piazza dei diritti” il saluto dell’ANPI.
Il Presidente Nazionale ANPI
Carlo Smuraglia

Il Comitato Nazionale ANPI sui fatti del 15 ottobre a Roma

Il Comitato Nazionale dell’ANPI,

a fronte dei gravissimi fatti accaduti sabato scorso a Roma; nell’esprimere la più sentita solidarietà a tutti coloro – e in particolare ai giovani –  a cui è stato impedito di esercitare liberamente e pacificamente un diritto costituzionale, tanto più rilevante in quanto contemporaneamente veniva esercitato in tutto il mondo (e senza incidenti), ed a tutti coloro che hanno  subito danni dalla violenza di un gruppo di estremisti reazionari;

condanna, nel modo più fermo, il comportamento di coloro che sono scesi in campo solo per praticare la violenza ed impedire una civile manifestazione di protesta, producendo danni gravissimi a persone e cose;

ribadisce che è compito dello Stato garantire la libertà di manifestazione del pensiero e la libertà di riunione, per cui non ha senso rispondere ad un atto di odiosa violenza con divieti che, prima ed invece di colpire i violenti, finiscono per limitare i diritti dei cittadini, al di là e al di fuori della Carta Costituzionale;

depreca che una incomprensibile gestione dell’ordine pubblico non solo non sia riuscita a prevenire quanto accaduto ma addirittura abbia esposto la città di Roma, i manifestanti pacifici (che peraltro non hanno potuto svolgere la loro manifestazione) e gli stessi agenti di polizia e carabinieri a subire violenze ed attacchi, non essendo preparati e attrezzati adeguatamente per respingerli;

si oppone fermamente ad ogni ipotesi di interventi polizieschi ed autoritari sulla scia delle emozioni suscitate dalla sciagurata giornata di Roma; non è con leggi eccezionali che si reprime la violenza, ma applicando rigorosamente la normativa vigente e prevenendo ogni tentativo di violenza;

esprime seria preoccupazione per i rigurgiti di autoritarismo e di fascismo che si affacciano continuamente, in varie forme, nel nostro Paese approfittando di un “clima” ritenuto favorevole e della disgregazione della vita politica e istituzionale del nostro Paese;

si appella alla coscienza civile ed alla sensibilità di tutti i cittadini perché rispondano alla violenza con le armi della democrazia, vale a dire con l’esercizio dei fondamentali diritti civili e politici, la partecipazione, la manifestazione convinta di una decisa volontà di svolta e di cambiamento, verso un sistema politico e istituzionale rispondente finalmente ai principi contenuti nella Costituzione;

ribadisce che solo l’unità di tutte le forze democratiche può salvare il nostro Paese dal degrado civile, sociale e politico in cui è precipitato e che ormai è divenuto intollerabile per ogni cittadino consapevole dei diritti inalienabili e degli stessi fondamenti della democrazia.

Roma, 19 ottobre 2011

IL COMITATO NAZIONALE ANPI